Non rinviare l’emersione di perdite nei bilanci bancari (Considerazioni finali 2).

Non rinviare l’emersione di perdite nei bilanci bancari (Considerazioni finali 2).

Nel 2010 l’incidenza dei prestiti iscritti nell’anno a sofferenza è rimasta
elevata, all’1,9 per cento del totale dei finanziamenti all’economia, un
valore comunque assai inferiore a quello osservato dopo la recessione dei
primi anni Novanta. Le informazioni sui primi mesi di quest’anno segnalano miglioramenti.
Molti intermediari hanno sostenuto la clientela accordando ristrutturazioni dei debiti o temporanee sospensioni dei pagamenti rateali. Gli interventi, che raramente prevedono aumenti di capitale o nuovi piani industriali, devono
indirizzarsi a imprese effettivamente capaci di superare la crisi, non essere solo
un modo per rinviare l’emersione di perdite nei bilanci bancari.

Mario Draghi, Considerazioni finali

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...