Perché il bail-in riguarda anche le Pmi, non solo i risparmiatori.

Perché il bail-in riguarda anche le Pmi, non solo i risparmiatori.

fotostoriabig
A parte i ben noti effetti della cattiva informazione, piovuta sugli italiani subito dopo il salvataggio delle 4 banche, con Movimento 5 Stelle ed associazioni consumatori in prima fila a saccheggiare l’armamentario dei luoghi comuni, vi sono alcune considerazioni sulla direttiva europea in materia di bail-in che non ho ascoltato da parte di (quasi?) nessuno e che riguardano, in maniera assai evidente le imprese.
Mi riferisco con tutta evidenza alle imprese che sono debitrici nette del sistema bancario, pertanto non alle grandi imprese ma alle Pmi, che dipendono dal credito bancario per ogni loro fabbisogno finanziario.
Le banche, soprattutto quelle regionali e medio-piccole (resta da vedere cosa accadrà delle Bcc una volta convertito il decreto e quante di esse decideranno, sciaguratamente, di fare come Jack Frusciante) non se la stanno passando troppo bene sul versante raccolta: le notizie che giungono dai back-office di alcuni importanti istituti in sede locale sono di coefficienti di liquidità tirati all’estremo, molto, forse troppo vicini al coefficiente minimo attualmente in vigore. Perché la raccolta sia in tensione è facile da spiegare: i tassi negativi da una parte, la sfiducia dall’altra, spingono i risparmiatori verso altri tipi di impieghi. D’altra parte la BCE, quale prestatore di ultima istanza, si è dichiarato addirittura disposto ad offrire tassi negativi, purché il re-impiego sia indirizzato verso famiglie ed imprese, ovvero all’incremento del portafoglio prestiti.
Ed allora perché il bail-in dovrebbe rappresentare un problema per le Pmi, che infatti non ne parlano, non dibattono e al più (come fa per esempio Radio 24) si soffermano sui riflessi per i risparmiatori?
Perché il bail-in, unitamente a tutta una serie di regole perlopiù ignote, soprattutto al mondo imprenditoriale ed al ceto professionale, impone una maggiore asset quality, ovvero una maggiore selezione nello scrutinio del merito creditizio delle imprese.
In sintesi: è liquido tutto ciò che è si caratterizza per elevata qualità della controparte creditizia e, di conseguenza, per modestia del rendimento, per giunta accentuata dall’appiattimento a medio-lungo termine della curva dei tassi. E l’ipertrofia della voce 130 nel conto economico dei bilanci bancari non è più compatibile con un margine di interesse a volte negativo, a volte nullo o inconsistente.
Dunque il credito non potrà più essere erogato -e non può più essere erogato fin da ora- con i medesimi criteri di questi anni, anche se è tuttora sorprendente il massiccio ricorso alla garanzia Mediocredito Centrale 80% per operazioni ben poco orientate alla crescita ed allo sviluppo; la motivazione obbligatoria per fruire delle agevolazioni in base alla legge 662 che disciplina la messa a disposizione della garanzia è “ripristino liquidità”, dunque per finanziare il circolante che non circola. E non è male ricordare che Mediocredito Centrale ha nella sua denominazione giuridica, secondo quanto voluto da uno dei peggiori ministri dell’economia del dopoguerra, Giulio Tremonti, la dicitura “Banca del Mezzogiorno”.
Se da una parte la garanzia Mcc è solo parziale, dall’altra, come tutti gli strumenti di credit risk mitigation, non può evitare un’accurata misurazione del rischio di credito, secondo parametri che siano, finalmente, imperniati sulla capacità restitutiva e quindi di generare flussi di cassa, non su immobili o inconsistenti business plan.
Se la normativa del bail-in pone il risparmiatore al centro, anche come soggetto attivo, in grado di spostare la sua raccolta indirizzandola verso approdi (gestionalmente) sicuri, dall’altro impone alle banche che vorranno essere scelte, e non scartate, nel beauty contest del mercato, di migliorare i propri parametri gestionali e la qualità dei propri attivi.
Restano solo due piccole domande, e non riguardano le banche, strette dentro modelli di business che fanno un ricorso sempre più massiccio all’information technology e la necessità di mantenere la relazione dentro un cammino sempre più segnato, dall’altra.
Gli interrogativi, infatti, riguardano da un lato la consapevolezza, prima ancora della preparazione, delle imprese richiedenti il fido; dall’altro rimettono al centro la figura del consulente, in questi anni di crisi tragicamente assente o teso perlopiù a rincorrere passivamente le situazioni, spesso incapace di portare un contributo efficace al risanamento aziendale, quasi mai in grado di predisporre un business plan.
In altre parole, beauty contest per tutti.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...